Salta la resa dei conti del M5S e la Lezzi si difende: “Assunzione in regola”

L'incontro tra parlamentari e base del Movimento 5 stelle, dopo le polemiche di questi giorni, non si è trasformato in uno scontro a viso aperto. I dissidenti non si sono presentati. La senatrice Lezzi ha dato conto dell'assunzione della figlia del suo compagno: ha spiegato che è tutto in regola

barbara lezzi

LECCE- Doveva essere una vera e propria una resa dei conti interna, un incontro- confronto tra la base e alcuni parlamentari salentini del Movimento 5 Stelle, ma così non è stato. I dissidenti non si presentano e i senatori si ritrovano di fronte una platea di supporters. Le domande al vetriolo alle quali i Senatori del Movimento dovevano rispondere circolavano sin dal dicembre 2012 dopo le “Parlamentarie” e nei mesi successivi: la base voleva vederci chiaro, voleva  chiedere conto delle decisioni dei propri parlamentari.

Tuttavia le risposte arrivano comunque. Barbara Lezzi conferma: “Ho assunto la figlia del mio fidanzato ma non viviamo insieme”.

Una prima risposta arriva e non si tratta di smentita. Smentita e’ invece quella che riguarda la situazione patrimoniale dei cittadini in trasferta. A chi accusa di non aver restituito gran parte dell’indennità, loro rispondono così.

Il gruppo dei dissidenti era atteso al varco, dopo i botta e risposta virtuali dei giorni precedenti. C’è Alfredo Orozino, unica voce fuori dal coro che chiede come si ritenga tutelare le cosiddette minoranze

C’è chi invoca l’epurazione, fuori dal gruppo. Ma così non sarà, o almeno così dice la Senatrice Lezzi. Certo è che la guerra interna sembra non sopirsi e non sono da escludere colpi di scena nelle prossime ore.