Zara si insedia ufficialmente, la stretta di mano con Laforgia

In mattina, il nuovo rettore Zara ha salutato Laforgia, un passaggio di consegne sobrio: con una stretta di mano potrebbe essere finito un periodo di grande tensione con i sindacati.

vicenzo-zara

LECCE- Sobria e veloce, la cerimonia del passaggio di consegne fra il rettore uscente dell’Università del Salento, Domenico Laforgia ed il suo successore, Vincenzo Zara, eletto tre mesi fa.
Studenti, docenti, delegati e, ovviamente, amici e parenti, hanno assistito al cambio della guardia nel rettorato di Piazzetta Tancredi.
Passaggio di consegne anche fra il prorettore delegato uscente, Carmelo Pasimeni e quello entrante, Vittorio Boscia. “Siamo certi di lasciare l’Ateneo Salentino in mani sicure”, ha esordito Domenico Laforgia emozionato, per usare le sue parole, come se fosse l’ultimo giorno di scuola.

Con questa stretta di mano prende il via un nuovo corso dell’università, e si potrebbe chiudere con questo passaggio un capitolo pieno di veleni e scontri con i sindacati.

“La sfida più importante che ci attende” ha detto Zara “è una sfida di natura culturale, sia al nostro interno sia nei rapporti con l’esterno. Al nostro interno, perché occorre acquisire piena consapevolezza di quello che siamo e delle nostre potenzialità, così da poter battagliare ad armi pari a livello nazionale. Nei rapporti con l’esterno, curando e valorizzando le relazioni con il territorio”.