Pd, la Commissione nazionale verso la sospensione del congresso

PD: la Commissione nazionale verso la sospensione del congresso leccese, che potrebbe slittare di due mesi. Salvatore Piconese ha tenuto una conferenza stampa: “La vecchia guardia vuole bloccare tutto perché sto vincendo”.

salvatore-piconese

LECCE- La rissa congressuale dei democratici va avanti, senza sosta, a suon di conferenze e comunicati. La lettera ai vertici del Pd del parlamentare salentino, Salvatore Capone, per chiedere di bloccare i congressi e il tesseramento drogato, ha provocato la reazione di Piconese.

Il 38enne sindaco di Uggiano ha preso carta e penna e ha scritto una lettera ai dirigenti locali e nazionali per spiegare la situazione dalla sua prospettiva:

“..Credo e mi convinco sempre più che ci sia da parte di alcuni la volontà reale di bloccare il Congresso Provinciale di Lecce, impedendo agli iscritti e ai militanti scrive Piconese-  l’apertura di una nuova fase di cambiamento, dalla quale potrà nascere un radicale rinnovamento della classe dirigente del partito salentino….La mia candidatura nasce come la vera alternativa alla vecchia gestione del partito e vuole costruire un Pd capace di aprire una nuova fase di cambiamento, che superi una visione “chiusa” e “personale” e costruisca un partito aperto e democratico, capace di rinnovare, dai territori, la propria classe dirigente.

…Credo che le ombre e i sospetti debbano essere immediatamente dissipati –continuaPer questo chiedo di inviare presso il partito di Lecce un rappresentante della Commissione Nazionale per il Congresso, il quale non dovrà venire per poche ore, ma fermarsi intere giornate e verificare attentamente, nei modi e nei tempi che riterrà opportuni, se e quanto fondamento hanno le denunce e gli allarmi di coloro che fino a ieri hanno avuto le massime responsabilità di direzione politica del partito….”