Manduria, ok depuratore. Regione ferma sullo scarico a mare

La Regione Puglia conferma ancora una volta la volontà di effettuare due interventi al depuratore di Manduria, ma sono ancora bloccati i fondi. Da chiarire il punto dell'utilizzo delle acque reflue per l' agricoltura.

depuratore

MANDURIA- Il depuratore a Manduria si farà. La Regione fa sapere che saranno finanziati sia l’impianto delle acque depurate, per 2 milioni e 800mila euro, che l’adeguamento delle opere gestite dal consorzio dell’Arneo finalizzate all’utilizzo della risorsa derivabile dall’impianti ad usi irrigui per un milione e 560 mila euro.
Si tratterà di finanziamenti provenienti dal Por Puglia e dal Fas 2000-2006. Si tratterà però di fondi bloccati e al momento c’è solo un atto di indirizzo per lo stanziamento dei fondi. Lo ha comunicato Vendola al sindaco di Manduria, Roberto Massafra.

Ma non solo. E’ ferma anche l’idea della Regione riguardi allo scarico a mare per il quale è favorevole almeno come soluzione alternativa all’utilizzo delle acque per l’agricoltura nei periodi particolarmente piovosi. Nel piano regionale di tutela delle acque però sarebbe previsto l’uso nelle campagne. Il che, insomma, suona come una contraddizione o almeno come un punto certamente da chiarire.