Ilva, al via i lavori per discariche e copertura parchi

Il 30 ottobre, al Comune di Taranto, si riunirà la conferenza dei servizi prevista dal Suap chiamata ad esaminare i progetti per la copertura di tre parchi minerali piccoli e di un'area di gestione dei rottami ferrosi. La superficie complessivamente coperta sarà pari a 74.120 metri quadrati.

taranto-comune

TARANTO- Non solo scadenze giudiziarie, con l’impatto che inevitabilmente determineranno, per l’Ilva di Taranto. Nella prossima settimana, infatti, ci sono anche due scadenze che riguardano il risanamento della fabbrica siderurgica e l’attuazione delle prescrizioni dell’Autorizzazione integrata ambientale rilasciata dal ministero ad ottobre 2012.
Il 30 ottobre, al Comune di Taranto, si riunirà la conferenza dei servizi prevista dal Suap chiamata ad esaminare i progetti per la copertura di tre parchi minerali piccoli e di un’area di gestione dei rottami ferrosi. La superficie complessivamente coperta sarà pari a 74.120 metri quadrati.

E sempre il 30 ottobre la Camera è chiamata a convertire in legge il decreto sulla pubblica amministrazione al cui interno ci sono anche norme che riguardano l’Ilva e in particolare l’autorizzazione a due discariche di rifiuti, una per rifiuti pericolosi e l’altra per rifiuti non pericolosi. Si tratta di 200mila metri cubi per il primo lotto di quella per i rifiuti pericolosi e di 4 milioni di metri cubi per quella relativa ai rifiuti non pericolosi.