Dipendenti MPS, una “Task Force” per salvarli

LECCE- C’è la possibilità che una Task force di politici regionali e parlamentari supporti le ragioni dei lavoratori MPS: se lo augurano in molti. L’appello dei lavoratori e di Paolo Pagliaro alla politica, che per lungo tempo si è disinteressata delle sorti dei dipendenti della banca, potrebbe non essere caduto nel vuoto. Mancano, però, molti parlamentari e politici salentini all’appello.  D’Alema ha fatto spallucce: venerdì ha dato ascolto ai lavoratori Mps che hanno letto pubblicamente un loro comunicato.

“Le banche hanno ricevuto tanti aiuti statali, in questi anni, e adesso non  vogliono fare la loro parte”, sbottano alcuni sindacalisti.

182 famiglie sono col fiato sospeso dopo tanti anni di lavoro. Le estenalizzazioni non convincono nessuno: per i lavoratori è solo un escamotage per liberarsi di un bel po’ di dipendenti, senza dare alcuna garanzia per il loro futuro. I lavoratori Mps faranno sentire la loto voce il 31 ottobre, con uno sciopero: è necessario dare garanzie a tante famiglie e poi c’è da chiedersi perché qualcuno abbia scelto  di penalizzare il Salento, con un numero così alto di esternalizzazioni rispetto al resto d’Italia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*