Operazione “El Chico”: 14 arresti per traffico di droga

QuattroStelle

TARANTO- 14 arresti per droga con l’ operazione “El chico”, chiusa dalla Guardia di Finanza. 14 ordini di custodia cautelare per traffico di droga di cui 10 sono in carcere e 4 ai domiciliari . 7 le persone arrestate a Taranto, 4 a Napoli, 2 a Milano ed una in provincia di Brindisi. In azione gli uomini del Nucleo di Polizia Tributaria al comando di Giuseppe Micelli.

Sono scattate a luglio 2010 le indagini che hanno permesso di sgominare il sodalizio criminale. I primi a finire nel mirino delle fiamme gialle 4 fornitori napoletani, in particolare Antonio e Gennaro Silvestro di 24 e 48 anni,  affiliati al clan campano “Di Lauro”. L’ attenzione poi si è spostata su altri 2 fornitori: Francesco Pagliuchi, 44enne  residente a Milano  ed il napoletano 32enne Luciano Fiore. Anche quest’ultimo giunto nel capoluogo lombardo per sfuggire, secondo le indagini della finanza, alla malavita tarantina. C’è anche un brindisino tra gli arrestati: Cosimo Malerba, 53 anni. A lui erano affidate l’ attività di spaccio sul mercato brindisino e la vendita ad alcuni compratori di Taranto .

I fornitori erano in contatto, in particolare, con 2 tarantini, Antonio Cicolella e Piera de Padova, i coniugi già arrestati nell’ambito della precedente operazione della finanza “UNDERTAKER”. Indagini durate circa 3 anni e chiuse col blitz “El chico”. Non solo i 14 arresti, ma nel corso delle investigazioni sono stati sequestrati oltre 5 chili di droga, tra hashish, cocaina e marijuana. Sono stati inoltre individuati diversi corrieri che lavoravano sulla tratta Napoli – Taranto,  scortando il carico di stupefacenti, e agevolando l’attività  utilizzando perfino una seconda auto che fungeva da staffetta, a metà strada.

Un blitz importante – hanno spiegato i finanzieri –  anche perchè ha stoppato in  tempo le nuove trattative del sodalizio. Dalle indagini è infatti emerso come il gruppo di malavitosi tarantini fosse già in trattativa per l’acquisto e, la successiva immissione nel mercato locale, di grossi quantitativi  di “Crack”. 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*