Traffico internazionale di droga, 71 arresti. C’è anche un manduriano

Chiusa a L'Aquila l'operazione Ellenika contro il traffico internazionale di eroina e marijuana. C'è anche un manduriano tra i 71 arrestati. Sequestrati 7 quintali di droga destinati anche al mercato pugliese

ROS ARRESTI

MANDURIA- C’è anche un manduriano nell’ operazione di spessore nazionale antidroga della Procura distrettuale antimafia de L’ Aquila. È Luca Attilio Mingolla, meccanico, nato ad Avetrana ma appunto residente a Manduria. Già noto per ricettazione.

L’operazione denominata Ellenika  ha visto 71 arresti in tutta Italia  per associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti. I Ros hanno stroncato un traffico di droga che dall’ Albania, dalla Bosnia e dal Kosovo giungeva verso l’Italia.

 Sono stati sequestrati, pensate, oltre due quintali di eroina che provenivano dall’Afghanistan e 5 quintali di marijuana. A quanto pare l’organizzazione era ramificata in diversi paesi e regioni, e gli investigatori hanno spiegato che l’operazione si è sviluppata nell’ambito di un progetto europeo di contrasto alla criminalità balcanica, avvalendosi del supporto della Europol e della Dcsa, in collaborazione con la polizia albanese, bosniaca, slovena, croata e kosovara.

La droga sequestrata era destinata ad una organizzazione abruzzese, che rivendeva il tutto sul mercato locale, ma anche su quello marchigiano e su quello pugliese. Da qui evidentemente i contatti con Migolla, per il quale sono intervenuti gli uomini del Ros di Lecce e del Ten. Col. Paolo Vincenzoni, Comandante della Sezione Anticrimine di Lecce.