Lite Flora-Carbonella, il dg: “Intervento necessario”

Dopo la lite con il presidente e la sospensione del direttore generale, il dg del città di Brindisi Enzo Carbonella spiega i retroscena: “Quelle dichiarazioni necessarie per il bene della squadra”.

flora

BRINDISI- Il presidente lo aveva sospeso dopo le divergenze espresse sulla gestione, soprattutto quella futura del mercato. Lui, il dirigente, non smentisce le dichiarazioni della discordia ma, ai giornalisti presenti in una conferenza stampa convocata ad hoc, spiega le sue ragioni.

Enzo Carbonella, dg del città di Brindisi, spiega la sua versione dei fatti dopo il litigio con il presidente del sodalizio Antonio Flora. Spiega come quelle dichiarazioni sul mercato, che tanto avevano fatto infuriare il suo datore di lavoro, fossero necessarie per tranquillizzare l’ambiente.

Secondo Flora, è necessario bypassare i procuratori, figure non necessarie in campionato di serie D. Ora, resta da capire se i chiarimenti di Carbonella porteranno ad una riappacificazione se non ad un divorzio definitivo. Una polemica che arriva alla vigilia di un match interno difficile e, in prospettiva futura, determinante per il proseguo del campionato di un Brindisi ambizioso. Domenica, al Fanuzzi, gli uomini di Ciullo affronteranno il Marcianise.