Pd, in vista del congresso boom di tessere a Brindisi e Ostuni

In attesa del congresso di fine mese, ecco i dati parziali dei tesserati al partito democratico. Saranno loro a votare per il nuovo segretario provinciale.

pd

BRINDISI- In attesa di una conferenza stampa di presentazione dei tre candidati in corsa per la poltrona di segretario provinciale (prevista per sabato con tanto di convocazione e annullamento della conferenza “singola” di uno dei candidati nel giro di 2 ore), continua la campagna tesseramenti nei vari circoli del territorio. Un dato, quello parziale per ora e quello definitivo poi, da non prendere ovviamente sotto gamba visto che saranno proprio gli iscritti all’anagrafe del partito a determinare, con il, loro voto, il risultato finale e quindi, oltre al nome del nuovo segretario, anche gli eventuali rapporti di forza delle varie correnti presenti sul territorio.
Se le firme raccolte a sostegno della candidature avevano premiato il renziano e francavillese Maurizio Bruno, in partenza favorito d’obbligo contro i competitor Giuseppe Tagliente, Ostuni, e Anna Maria Scalera, Mesagne, i dati parziali dei tesserati 2013 – 2014 dimostrano, invece, come la battaglia interna sia assolutamente aperta.

Partiamo da un dato fondamentale. Quello delle tessere distribuite al momento tra i vari circoli. Complessivamente 2600, tra prestampate (quelle dei vecchi iscritti) e bianche. Capillarmente frazionate, in base alla popolazione, su tutta la provincia.
Alcune di queste tessere, cioè quelle dei democratici che hanno rinnovato il loro impegno e di chi invece è entrato a far parte della famiglie, sono già tornate alla segreteria.

Il dato parziale ci dice che il comune con più tesserati è, al momento, quello di Brindisi, con 278 iscritti. Segue Ostuni con 262. Quindi Mesagne, territorio della Scalera, con 84. Poi Francavilla e Carovigno con 70 tessere o poco meno.

Emergono due analisi. Una, storica. Che vuole proprio Brindisi e Ostuni i circoli più popolosi anche negli anni passati. L’altra, chiaramente politica. Il circolo della Città Bianca sarà, ovviamente, il bacino di voti del candidato Tagliente. Favorito d’obbligo? Chissà. Tempo per iscriversi ce n’è. Sarà possibile, infatti, tesserarsi e quindi votare fino alla sera del 30 ottobre, proprio il giorno del congresso. Inoltre, sarà interessante capire come saranno dirottati i voti degli altri circoli “neutri”. Su tutti Brindisi. Ogni candidato è infatti esponente di una corrente diversa, con diversi “grandi elettori” tra parlamentari e consiglieri regionali, sparsi sul territorio. Una sorta di braccio di ferro a tre, per una competizione, secondo noi, mai così vera e mai così incerta.