Nave Zeffiro rientra dalla missione antipirateria

Nave Zeffiro fa rientro nel porto di Taranto dopo cinque mesi di navigazione

nave

TARANTO- Domani Nave Zeffiro farà rientro nel porto di Taranto dopo cinque mesi di navigazione, di cui quattro svolti nell’ambito dell’operazione antipirateria Eunavfor Atalanta sotto l’egida dell’Unione Europea. L’arrivo è previsto alle ore 10. La fregata della Marina Militare italiana è stata impegnata nel Gruppo Navale Europeo (la Task Force 465) con la missione di contrastare la pirateria marittima, garantire la salvaguardia della vita umana in mare e il libero traffico dei mercantili, nonchè rafforzare i rapporti di cooperazione e fiducia con tutti i Paesi dell’area.

“Un’area di operazioni molto vasta, paragonabile – è detto in una nota di Maridipart Taranto – a circa una volta e mezza l’intera Europa, ma è a largo delle coste della Somalia e nel Golfo di Aden che si è focalizzata maggiormente l’attività di Nave Zeffiro”.

Dalla sua partenza dal porto di Taranto, lo scorso maggio, la fregata Classe Maestrale ha percorso circa 26.400 miglia in 3.190 ore di moto, a cui si sommano le circa 160 ore di volo dei due elicotteri imbarcati. Lo scorso 6 ottobre è stata avvicendata nell’ Operazione Atalanta dalla ‘gemellà Libeccio.

Nave Zeffiro e il suo equipaggio, al Comando del Capitano di Fregata Marco Antoniazzi, saranno accolti all’arrivo a Taranto dal Comandante in Capo della Squadra Navale, Ammiraglio di Squadra Filippo Maria Foffi e dal Comandante del Gruppo Navale Italiano, Contrammiraglio Guido Rando.