Si finge passeggero per truffare assicurazione: arrestato 31enne di Nardò

Fingeva di essersi ferito durante un incidente per truffare l'assicurazione. Smascherato e arrestato 31enne di Nardò

mod calò daniele

NARDO’- I militari della Stazione di Nardò hanno oggi eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere ai danni di un 31enne della città neretina, Daniele CALO’, con l’accusa di tentata truffa a danno delle assicurazioni. L’indagine condotta dai militari della Stazione di Nardò è nata dalla denuncia fatta da un’agenzia assicurativa e riguardante alcune strane richieste di risarcimento per danni a seguito di incidenti d’auto sofferti da terzi passeggeri.

Le stranezze, infatti, nascevano da alcune minime anomalie nella compilazione della Constatazione amichevole di incidente, e dai certificati medici rilasciati dall’ospedale di Nardò. Nel corso delle indagini è emerso che il CALO’, dopo aver scoperto l’esistenza di un sinistro stradale ed averne appreso alcuni elementi costitutivi si presentava da un legale al fine di richiedere alla sua assicurazione il risarcimento di danni fisici quale terzo trasportato.

In buona sostanza dichiarava di essere rimasto ferito (con apposito certificato medico) nel corso del medesimo incidente in quanto a bordo dell’auto tamponata. Le indagini dei carabinieri hanno permesso di smascherare questo tentativo di truffa proprio analizzando le constatazioni amichevoli di incidente (che non riportavano assolutamente la presenza del Calò), i certificati medici presentati (a volte addirittura precedenti l’orario dell’incidente) nonché le dichiarazioni dei testimoni di uno dei sinistri “incriminati” che attestavano con assoluta certezza l’assenza di terzi trasportati.

Su disposizione del Procuratore Aggiunto presso il Tribunale di Lecce, Dott. Ennio CILLO, il Calò è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Borgo S. Nicola per scontare la pena a 2 mesi di reclusione comminatagli.