Botrugno, piccolo gioiello salentino

Botrugno è una piccola realtà salentina ma con una grande storia che si riflette anche nel suo rinnovato aspetto urbanistico. Non a caso ha vinto, un mese fa, l'ambito Premio Teknè. l'amministrazione comunale, ha illustrato i passaggi salienti della sua rigenerazione urbana.

botrugno

BOTRUGNO- E’ un gioiello dell’entroterra salentino. Piccolo, curato, con importanti monumenti storici e con un biglietto da visita di tutto rispetto: il Parco dei Pini, spazio dedicato ai più giovani, ma non solo, che ha ottenuto l’ambito Premio Teknè.
Botrugno è un esempio di comune virtuoso, che ha saputo dare vita ad una rigenerazione urbana i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti. E non parliamo solo del parco che si trova all’ingresso del paese, ma anche degli angoli più remoti del centro abitato, rimessi a nuovo in nome dell’armonia che si respira passeggiando per la città.

L’amministrazione comunale ci ha lavorato per oltre 10 anni, raccogliendo idee e pareri dei cittadini, per ottenere un risultato che accontentasse un po’ tutti. Una volta stilati i progetti, sono arrivati anche i finanziamenti che ne hanno permesso la realizzazione.  E non è tutto. Sono in corso i lavori per il recupero definitivo del Palazzo Marchesale, uno degli edifici storici più grandi del Salento, e di tutto il centro storico, dove sono in fase di ultimazione i lavori per il basolato.