Scontro tra latitante e carabinieri: un arresto e un ricercato

Scontro tra l'auto su cui c'era il latitante e i carabinieri, il ricercato riesce a fuggire, in manette il fratello autista

rep cc oria

ORIA- A caccia di un latitante ricercato da mesi, si erano messi all’inseguimento di un’auto sospetta guidata dal fratello del ricercato, seduto sul lato passeggero. Finisce in scontro e anche in manette, con tre feriti, tra cui due carabinieri e la fuga, l’ennesima, di Angelo Zanzarelli, detto Sciabola, 38enne di Oria sui cui pende un’ordinanza di custodia cautelare dallo scorso Maggio. In manette, piuttosto, ci finisce il 39 fratello guidatore, meno lesto del germano ricercato.

I fatti nel pomeriggio di ieri quando I carabinieri, a bordo di una Bravo,  hanno inseguito l’audi A 3 guidata da Antonio Zanzarelli, fratello del ricercato e anche lui sorvegliato speciale. Ne è scaturito uno scontro tra i mezzi su via Torre, nel centro urbano di Oria,  nel quale l’unico a uscire indenne è stato proprio il latitante, abile nel darsi alla fuga a gambe levate.

Feriti, invece, i due carabinieri a bordo della gazzella e Antonio Zanzarelli che, dopo essere stato medicato in ospedale, è finito in manette con l’accusa di violenza o minaccia a pubblico ufficiale in concorso pluriaggravata, lesioni personali e danneggiamento pluriaggravato in concorso. Sotto sequestro l’audi, in carrozzeria la gazzella dei carabinieri e caccia aperta a Sciabola, dencuniato in stato di irepperibilità.

Angelo ZANZARELLI, già colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere relativa all’operazione denominata “AIRO”, condotta dalla Compagnia di Francavilla Fontana lo scorso 21 maggio e conclusasi con l’arresto di 18 soggetti responsabili a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata ad estorsione, furto aggravato, sostituzione di persona, truffa, ricettazione, detenzione illecita di sostanze stupefacenti ed altro, è attivamente ricercato su tutto il territorio