Congresso provinciale Pd, autoconvocazione dell’assemblea “per una fase nuova”

Mentre continuano incontri e polemiche nella fase precongressuale del Pd provinciale, un gruppo ha deciso di autoconvocarsi per una 'riflessione politica: Durante, Zacheo,Toma e altri chiedono al partito di avviare una nuova fase.

cosimo durante

LECCE- Nel clima incandescente precongressuale continuano gli incontri, gli scontri e le “riflessioni politiche”. Oramai sono rimasti pochi giorni: venerdì, 11 ottobre bisognerà ufficializzare le candidature degli aspiranti segretari e poi mancherà meno di un mese per il congresso provinciale Pd, che si terrà l’8 novembre. Tutti stanno cercando di imprimere un’accelerata alle trattative. Tra i big ci sono ancora due indecise: Loredana Capone, che, secondo alcune indiscrezioni, potrebbe scegliere Piconese e Teresa Bellanova, che potrebbe dare il suo assenso alla candidatura di Alfonso Rampino.

Intanto, Cosimo Durante, ancora intenzionato a candidarsi, si fa promotore dell’autoconvocazione di un’assemblea, a Copertino, per una ‘riflessione politica’, che porterà a un documento partecipato, che nelle intenzioni dei partecipanti dovrebbe mettere in campo le idee giuste per un partito realmente democratico, capace di fare fuori tutte le oligarchie interne.

Nel comunicato, i firmatari affermano di voler avviare una nuova fase. “La nostra iniziativa è slegata dalla scelta del prossimo segretario nazionale- spiegano -. La stessa nasce dalla convinzione che il nostro fronte di impegno primario è il Salento, la realtà in cui possiamo dimostrare direttamente e senza alibi chi siamo, cosa vogliamo e come intendiamo dar vita a un progetto di grande cambiamento di cui i salentini avvertono la assoluta urgenza e necessità. Non abbiamo la presunzione di fare da soli, perché l’impresa è proibitiva e ad alto rischio. Ma, poiché dappertutto prevalgono i tatticismi, avvertiamo il dovere di partire subito, al momento da soli, per dar vita ad un partito che il Salento riconosca necessario ai propri interessi”, concludono i promotori dell’incontro, tra cui spiccano i nomi del professore Zacheo, Remigio Venuti, Pierluigi Bianco e di Vincenzo Toma (quest’ultimo nome sta circolando tra quelli dei possibili candidati).

Intanto, i renziani dovrebbero sciogliere il nodo del loro candidato: circolano i nomi di Foresio, Puzzovio e Metallo, ma nessuno dei tre sembra essere disponibile. Restano pochi giorni per puntare su un candidato che rimetta in piedi un partito che nel Salento conta poche tessere e troppe correnti.