Sconfitta meritata per i rossoblù di Maiuri

Prima sconfitta per il Taranto in questo campionato. Allo Iacovone la Turris si impone per 2-0. Soltanto Clemente prova a cambiare volto a una partita che i rossoblù non hanno saputo interpretare al meglio

ancora-300x264

TARANTO- Pesante k.o. per il Taranto che incassa lo 0-2 della Turris allo Iacovone. È la prima sconfitta per gli uomini di Maiuri in questo campionato. Il tecnico rossoblù aveva chiesto “più carattere” ai suoi ma non è stato accontentato: la squadra è mancata nell’approccio al match evidenziando le difficoltà tecniche e fisiche di alcuni singoli, soprattutto in difesa. E soprattutto nel secondo tempo, quando gli ospiti hanno punito il Taranto constringendolo alla resa negli ultimi minuti davanti ai propri supporters.

Maiuri sceglie di nuovo Miale al centro della difesa e tiene a sorpresa in panchina Migoni, uno dei migliori in questo avvio di stagione: al suo posto c’è un deludente Vivacqua. È il Taranto per primo a farsi pericoloso nell’area della Turris: al 9′ Ciarcià non approfitta dell’invito di Marchitelli e spedisce di testa di poco sopra la traversa.

Gli ospiti non restano a guardare e al 15′ Perna, lanciato da Sibilli, crea apprensione dalle parti nella retroguardia guidata dal capitano Prosperi. Non una gran partita la sua. Come quella di tutta la squadra, con poche eccezioni. Il Taranto sembra bloccato e senza idee mentre la Turris prova ad approfittarne ma senza fortuna. Al 27′ combinazione Clemente, Ciarcià, con Vivacqua che manca la devizione vincente di un nulla. Buon momento per i rossoblù. Un minuto più tardi, il calcio di punizione dai 25 metri è un invito scontato per Clemente: stavolta è la traversa a dirgli di no. La palla ritorna sul sinistro del numero 10 che ci prova al volo. Fuori di poco. È l’ultima emozione del primo tempo.

Nella ripresa il Taranto non decolla. Anzi è la Turris a farsi periocolosa: all’8′ Sibilli serve Lucchese che di testa impegna Marani che trova un grande intervento. Scampato il pericolo i rossoblù reagiscono subito. Angolo di Clemente, Marchitelli trova Ciarcià che fa volare il numero uno della Turris, Liccardo. La partita torna su ritmi bassi che favoriscono gli ospiti bravi a non concedere troppo al Taranto. Ma i campani devono fare i conti con Clemente che al 22′ si fa strada in area: Liccardo gli sbarra la porta. Nulla da fare. Al 25′ si rivede la Turris con Grezio che spaventa Marani ma il gol è rinviato di pochi minuti. Al 33′ Tarascio salta Muwana e di esterno destro supera l’incolpevole Marani. Turris in vantaggio. Centoventi secondi dopo Prosperi ha la palla del pareggio ma spreca clamorosamente. Sale la tensione allo Iacovone nei minuti di recupero dopo il gol annullato a Balistreri per un sospetto offside al 47′. l’ultimo contropiede è della Turris che al 49′ chiude i conti con Longone bravo a superare Marani con un bel diagonale. Raddoppio e fischio finale.

Il tecnico rossoblù si prende tutta la responsabilità per la prestazione poco convincente dei suoi che è costata la sconfitta al Taranto: “Sento una enorme responsabilità perché non abbiamo giocato da squadra”.