Brindisi, non basta un super Gambino. A Monopoli prima sconfitta

Non basta un super Gambino al città di Brindisi che, nel derby fuori casa contro il Monopoli, incappa nella prima sconfitta stagionale. Davanti a centinaia di tifosi, finisce 3 a 2. I gol tutti nel primo tempo

brindisi calcio

BRINDISI-  Prima sconfitta stagionale per il città di Brindisi che inciampa in trasferta, dove fino ad ora aveva fatto vedere le cose migliori, contro un Monopoli più cinico e determinato. 

Il risultato finale e le 5 retei nascondono, per altro, una partita in cui entrambe le squadre hanno incontrato diverse difficoltà nella costruzione del gioco. E ai biancazzurri, stavolta, non è bastato il solito Gambini, ancora a segno con 2 reti. Finisce 3 a 2 per i biancoverdi, per un Brindisi sempre costretto ad inseguire.

Già al secondo minuto il Monopoli è pericoloso, con un tiro dalla distanza di Favia. 60 secondi dopo, il vantaggio dei padroni di casa, siglato dall’argentino Di rito che, da distanza ravvicinata, sigla il primo gol stagionale. Il pareggio è al nono minuto. Gambino, su penalty concesso dall’arbitro Cenami di Rieti, non sbaglia.

Il nuovo vantaggio dei baresi arriva al 17esimo. Errore di Peschechera, che lascia sfilare il debole diagonale di Montaldi. Il monopoli cresce e il terzo gol, 5 minuti più tardi, arriva proprio da Laboragine, ex capitano brindisino, che sotto misura infila la porta biancazzurra. Gambino, mai doma, accorcia nuovamente le distanze al 27 che, sotto la spinta di Cacace, sigla una nuova doppietta personale. Ma non basta.

Il finale di tempo finisce con il Monopoli in crescendo e, nella ripresa, il Monopoli controlla il match. Il Brindisi si sveglia nel finale, con forcing nell’area biancaoverde anche nei minuti di recupero, ben 5, assegnati dal direttore di gara. Ma il miracolo non riesce e gli uomini di Ciullo tornano a casa con una sconfitta, la prima stagionale, che allontana il Brindisi dal vertice della classifica e spegne le speranze dei tifosi adriatici, arrivati in gran numero in terra barese.