Alle 18 “Tg M5S Report”, il notiziario del Meet up di Maglie

Parte su Telerama il notiziario del Meet up amici del Movimento 5 Stelle di Maglie. "Una garanzia di pluralismo per i telespettatori" dice l'editore Paolo Pagliaro. I parlamentari prendono le distanze dagli amici di Maglie.

tg m5s

LECCE-  Il giorno atteso da alcuni, discusso da altri, appoggiato da altri ancora è arrivato. Alle 18 di sabato 28 su TeleRama e alle 19,30 di domenica 29 su TeleSalento andrà in onda il “Tg Movimento 5 stelle Report”. Una produzione prodotta dagli “amici Movimento 5 stelle Maglie” e ospitata gratuitamente dalle emittenti del gruppo Mixer Media.

Carlo Toma in qualità di Organizer e portavoce del Meetup Amici Movimento 5 Stelle Maglie ha chiesto a Telerama di mandare in onda il Notiziario prodotto dal Meetup,con l’obiettivo di informare sulle attività del Movimento 5 Stelle a livello nazionale, raggiungendo quindi coloro che non dispongono di connessioni internet e che, di fatto, restano tagliati fuori dall’informazione in rete – mezzo principale di divulgazione delle attività del movimento. Il notiziario avrà scadenza bimestrale/quindicinale, avrà una durata di 10/12 minuti e divulgherà i link della rete e le notizie di pubblica utilità.

La decisione di ospitare in onda un tg autonomo, indipendente, autoprodotto, la spiega l’editore Paolo Pagliaro, attraverso la sua pagina facebook : “Cari amici – scrive – come sapete ho ricevuto una richiesta dal Meetup Amici Movimento 5 Stelle Maglie per un notiziario autogestito da mandare in onda su Telerama. Dopo un’attenta condivisione della scelta con la mia redazione ma anche sui social network, abbiamo ritenuto di assecondare la richiesta. La ragione è molto semplice: Mixer Media garantisce al suo pubblico il pluralismo dell’informazione. La nostra mission è quella di offrire uno strumento valido ai cittadini per la formazione corretta e libera della coscienza comune e della pubblica opinione. Per questa vocazione democratica, liberale e plurale del gruppo che rappresento, abbiamo deciso di mandare in onda il notiziario alle loro condizioni, tra cui la gratuità. Sono disponibile a questo accordo, perché pur non condividendo, naturalmente, le opinioni politiche sostenute dal movimento, più nel metodo che nel merito delle stesse, questo rappresenta una parte degli italiani. Perciò, poiché il Meetup non dispone di fondi pubblici, Telerama garantisce al suo pubblico il rispetto del principio di completezza dell’informazione, coerentemente con la nostra linea editoriale“.

Poi Pagliaro lancia un messaggio che rimarca il principio dell’equità e del pluralismo dell’informazione: “Qualora – scrive – anche altri gruppi politici o movimenti dovessero fare analoga richiesta, avranno la stessa possibilità con gli stessi criteri che abbiamo utilizzato in questa occasione, chiaramente non in campagna elettorale dove esiste già una normativa sulla par condicio”.

I parlamentari del Movimento 5 Stelle, però, non sono d’accordo sulla scelta fatta dai propri amici di Maglie. La presa di distanza dal tg 5 stelle è, però, una questione interna al Movimento. TeleRama, infatti, pur essendo guidata da un uomo impegnato in politica, tiene ben presente uno dei valori fondamentali di chi fa questo mestiere: dare voce. A tutti. Indipendentemente dal colore politico che li contraddistingue.

Ed è proprio per questo che non spettava all’emittente contattare i parlamentari. Le decisioni è giusto che vengano prese all’interno del Movimento. Quanto a Telerama è giusto che si limiti a dare questa opportunità a chiunque la chieda. E questo per essere sempre dalla parte del telespettatore. E delle sue idee. Qualsiasi esse siano.