Trasporti scolastici, scenda in pista la Provincia

Il commissario straordinario Castelli convoca la regione sull'argomento dei Trasporti scolastici, sovraffollati e in ritardo perenne. Confermata la protesta degli studenti per l'11 ottobre.

pullman

BRINDISI- Pullman scassati, sovraffollati e ritardatari, La provincia scende in campo e convoca la Regione sulla questione Trasporti. Al centro della discussione i problemi e i disservizi di sempre ma che, con l’inizio dell’anno scolastico, hanno acuito le condizioni di mobilitazione degli studenti dell’intera provincia.
Sì, perchè, la problematiche che famiglie, studenti e perfino alcuni dirigenti degli istituiti scolastici,hanno denunciato contro le società di trasporto, imputati STP e Sud Est, è di vecchia origine.

Autobus strapieni, sovraffollati ben oltre il possibile, mezzi scassati e in continuo ritardo sono immagine certamente non nuova ai veterani delle lunghe o brevi tratte.

Trovare adeguata medicina ad un trasporto sempre più malato sarà la mission del vertice convocato a brindisi presso la sede della Provincia dal commissario straordinario Cesare Castelli e a cui sono stati invitati a prender parte gli amministratori dei Comuni interessati, i dirigenti scolastici, le delegazioni degli studenti, la Sud-Est e la Stp di Brindisi, gestori dei relativi servizi.

Intanto gli studenti non restano con le mani in mano e, mentre nelle stanze dei bottoni si incontrano i grandi uomini, loro scendono in piazza in una giornata di mobilitazione generale prevista per il prossimo 11 ottobre. Lì, si spera almeno nella puntualità.