Gemelli Quarta, ribalta nazionale per sbloccare contributi locali

Finalmente il caso dei gemelli Quarta di Merine approda sui media nazionali. Paradossalemente, si spera che questo possa servire a sbloccare i contributi a livello locale.

gemelli quarta

MERINE- Da Canale 5 alle pagine di Panorama, i volti di Marco e Sergio ora sono conosciuti da tutti gli italiani. E l’appello del loro papà finalmente rimbalza fino a Roma e Milano, nella speranza paradossale che, amplificato dai media nazionali, qualcosa a livello locale si sblocchi.
Marco e Sergio Quarta sono gemelli oggi 35enni. Da quando avevano tre anni è stata diagnosticata ad entrambi la terribile distrofia di Duchenne, una patologia tanto rara quanto grave, che li ha, giorno dopo giorno, bloccati a letto, fino ad essere ancorati ad un respiratore per poter continuare a vivere. Da allora le battaglie dei genitori per far sopravvivere dignitosamente i figli sono innumerevoli. Solo con le nostre telecamere ne abbiamo documentate una trentina. Dai disservizi all’annullamento delle bollette di luce e gas che tenevano la famiglia Quarta stretta in un’altra morsa; dall’indifferenza della politica all’attesa, estenuante, dei contributi che spettano loro di diritto ma che tardano ad arrivare.

Altrettante innumerevoli volte hanno cercato risposte, bussato a porte ed alzato la voce. Dal Salento ora si alza il grido di chi vuole vivere a tutti i costi e, per farlo, è invece costretto a chiedere di staccare la spina. Lo hanno chiesto Marco e Sergio, con una lettera al presidente della Repubblica Napolitano. Un modo, disperato, di rivendicare i propri diritti, uno su tutti l’assegno personalizzato che dalla Regione ancora non arriva. E poi hanno anche chiesto di provare una cura sperimentale.

Dieci giorni fa, dal salotto di Pomeriggio 5 di Barbara D’Urso -spesso criticato, ma inequivocabilmente seguito da milioni di italiani- è stato strappato l’impegno dell’assessore alla Sanità elena Gentile. Questa è invece l’anteprima del servizio di Panorama del prossimo 2 ottobre, a cura di Terry Marocco, con le foto di Rocco De Benedictis. Proprio quest’ultimo ha pubblicato stralci dell’articolo di prossima uscita sulle bacheche fb di Marco e Sergio.

Nel frattempo la Gentile ha chiesto ed avuto il numero di telefono del padre dei gemelli. Che ora fa quello che è abituato a fare: aspetta con fiducia.