Consales Vs Darix, stretta di mano tra sindaco e circensi

Dopo le polemiche infuocate, è pace fatta tra il sindaco di Brindisi Mimmo Consales e il circo Darix. Stretta di mano davanti alle telecamere.

Mimmo Consales

BRINDISI- Stretta di mano e, pur ognuno con le sue ragioni, torna la pace tra il sindaco di Brindisi MimmO Consales e i Circensi. La notizia del giorno è che il primo cittadino, accompagnato per l’occasione dall’assessore Luperti, ha fatto la pace con la famiglia Darix, quelli del circo con gli animali che “a Brindisi non è il benvenuto”.

Pace per modo di dire, perché nel faccia a faccia improvvisato, entrambi gli attori sono rimasti fermi sulle loro posizioni. Ma il confronto è stato garbato, diretto, senza insulti o particolari accuse.

In realtà, la visita di Consales, annunciata già il giorno prima, era stata veicolata come incontro tra l’amministrazione e Antonio Ukmar, il 67enne dipendete del circo vittima di una presunta aggressione a colpi di pietre provocata dall’irta di un’ambientalista. Poi, le ultime notizie di cronaca hanno svelato come, queste le dichiarazioni del presunto aggressore, la lite sia sfociata a margine di una lite nel traffico. Gli animali e tutta la polemica innescata nei giorni scorsi, insomma, non c’entrerebbero niente, Ma la stretta di mano c’è comunque stata.

Così come c’è stato un breve sopralluogo del sindaco tra gli animali, preceduta da un controllo della guardia forestale chiamata, appunto, a verificare l’idoneità degli spazi concessi a ippopotami, giraffe, cavalli e tutta l’allegra combricolla.

Se è tutto in regola, come sembra, il Circo Darix ha il diritto di fermarsi a Brindisi e mettere in mostra uno spettacolo amato da bambini e famiglie. Non da Consales, sindaco animalista per eccellenza, legittimato pure lui, con mezzi idonei, a portare avanti la sua battaglia personale. A prescindere dalle facili battute.