Carcere, “fuori..gioco” di Rivera e 22 detenuti pronti a scendere in campo

Gianni Rivera special guest al carcere di Taranto per presentare l' iniziativa fuori...gioco. 20 detenuti saranno allenati per sfidare in campo magistrati e polizia penitenziaria

rivera

TARANTO- Immagini da brivido queste per gli appassionati di calcio. Certamente lo avrete già riconosciuto. È gianni rivera, primo Pallone d’oro italiano nel 69, 20ª posto nella classifica dei migliori calciatori del XX secolo. E senz’altro uno dei più grandi numeri 10 al mondo della storia del calcio.
Oggi al carcere di Taranto, in visita ai detenuti pronti per l’iniziativa fuori…gioco che vedrà 22 ragazzi impegnati in 10 incontri formativi e di allenamento fino alla partita conclusiva. Perchè il rispetto delle regole di gioco, il lavoro di squadra, lo sport in generale sono lienne guida per la vita.

Sarà un triangolare la partita finale e rivera consiglia un match autoarbitrato, proprio per valorizzare i valori dell onestà e della disciplina. Un triangolare che vedrà in campo detenuti, avvocati e magistrati e polizia penitenziaria.

Entusiasta infine la padrona di casa, la direttrice , che ha presentato l’ iniziativa insieme al magistrato Carbone e al comando di ps penitenziaria Lamanna, l’ avvocato de stradis, la psicologa Matrovilli.