Cavallino culla dell’arte, con la “A” maiuscola

Alla Galleria di Palazzo Ducale dei Castromediano di Cavallino in mostra opere che attraversano il Rococò ed il neoclassicismo,

mostra

CAVALLINO- Le porte della Galleria di Palazzo Ducale dei Castromediano di Cavallino sono state aperte in anteprima per la stampa e, come uno scrigno prezioso, ecco in tesori custoditi in questo tempio dell’arte.

Sono i dipinti che arricchiranno, anche quest’anno, la mostra promossa dall’assessorato alla Cultura e che proietta Cavallino nel panorama internazionale dell’arte, quella con la A maiuscola. Sabato 21 l’inaugurazione, alla presenza anche di Vittorio Sgarbi.

Le opere esposte, che attraversano il Rococò ed il neoclassicismo, provengono in buona parte da palazzo Chigi di Ariccia, e da varie collezioni private, compresa quella del principe Fulco Ruffo di Calabria. Fra gli altri, ci sono dipinti di Conca, Giaquinto, De Matteis, Casali, Chiari e Masucci. Fra i dipinti spiccano 10 opere inedite, che mai prima d’ora erano state esposte al pubblico e fra la corrente romana, quella napoletana e la cosiddetta mista, campeggiano anche abiti d’epoca.

La mostra sarà aperta al pubblico fino al 15 dicembre prossimo, in questa galleria che, come ha sottolineato il curatore della stessa, Francesco Petrucci, rappresenta un luogo ideale per immergersi fra le meraviglie pittoriche. La mostra è dedicata alla memoria di Fiammetta Lemme, collezionista e storica dell’arte scomparsa 8 anni fa.