Super Mario in carrozzina, video denuncia di un giovane disabile

Rosario Epifani, giovane disabile federiciano, con grande ironia lancia in rete un video denuncia nei confronti di chi progetta marciapiedi e accessi in barba alle esigenze di tutti, e non di qualcuno

disabile

ORIA– Un po’ Super Mario, un po’ Super Uomo. Perché per un giovane ragazzo disabile, costretto su una sedia a rotelle, andare in giro per Oria e usufruire di normali servizi, tra pubblici e privati, può rivelarsi un’impresa degna del più difficile e hardcore dei videogiochi. Paragone stupido? Assolutamente no. Anzi, secondo noi è geniale. Rosario Epifani, giovane disabile federiciano, con grande ironia ha lanciato in rete, con l’aiuto dei videomaker e amici Antonio Delli Santi e Alfredo Carbone, sei minuti di denuncia. Denuncia vera nei confronti di chi progetta marciapiedi e accessi in barba alle esigenze di tutti, e non di qualcuno. Denuncia per chi, campione di inciviltà e menefreghismo, parcheggia la propria auto davanti agli accessi delle rampe. Denuncia per chi, forse credendosi supereroe al di sopra delle leggi e della comune convivenza, supereroe non lo è neanche un po’.

Nel videogioco della Nintendo, l’idraulico Super Mario deve vedersela con i cattivi funghi del regno di Bowser, cattivone finale. Nella vita di tutti i giorni, i funghi, e quindi gli ostacoli, sono rappresentati dalle barriere architettoniche. Parcheggi selvaggi, ostacoli insormontabili senza trucchi. Ma anche l’assurda indifferenza verso i fortunatamente abili.

Quello di Oria è un caso. Potremmo definirlo limite se non fosse che in provincia, nel Salento, ce ne sono tanti altri. Proprio per questo, non c’è alcun dubbio su chi sia il vero super eroe. Per tutti gli altri è Game Over!