“Nuova Forza Italia”: in Puglia nessuna scelta senza il parere di Fitto

Incertezza nella base del Pdl, mentre si costruisce Forza Italia: un soggetto politico coordinato da nuovi volti dell'imprenditoria. Ma la base mette le mani avanti: “Nessuna scelta senza il parere di Fitto”

Raffaele Fitto

LECCE- Mentre la giunta per le immunità è pronta a votare sulla decadenza di Silvio Berlusconi, nel pomeriggio dovrebbe arrivare l’atteso video messaggio in cui si annuncia il rilancio di Forza Italia e le linee guida, che saranno rappresentati dai classici cavalli di battaglia (abbassamento delle tasse, riforme costituzionali e della giustizia). In mattinata sono state apportate le ulteriori modifiche alla video – lettera del Cavaliere, che sarà consegnata in serata ai tg nazionali.
Si cominciano a fare le prime ipotesi sulla struttura del nuovo soggetto politico: in realtà la base non conosce bene il proprio destino. Intanto, nascono le nuove sezioni di Forza Italia anche in Puglia: saranno autofinanziate dalla base. I coordinatori, come già anticipato, dovrebbero essere dei volti nuovi, gente legata al mondo dell’impresa, direttamente selezionati da Berlusconi, con l’apporto di Bertolaso e Verdini.

Ma dalla base fanno sapere che questa è un’ipotesi improponibile in Puglia. “Le scelte potranno essere fatte da Berlusconi o da Verdini e Bertolaso insieme, ma in sintonia con i referenti indiscussi”, spiega Luigi Vitali, coordinatore provinciale del pdl brindisino.

In altre parole, la base è convinta che senza il contributo di Raffaele Fitto non potrà muoversi nulla: lui è il referente indiscusso del centrodestra nella Regione Puglia.