Costrinse la figlia a prostituirsi? La piccola nega

La madre denunciò che il marito costrinse la figlia a subire abusi da un anziano del luogo, in cambio di 150 euro. Durante l'incidente probatorio la piccola ha negato tutto

tribunale

NARDO’- Avrebbe escluso qualsiasi abuso in famiglia, la bambina di 9 anni di Nardò che, secondo quanto denunciato dalla madre, sarebbe stata costretta dal padre a subire abusi da un anziano del luogo, in cambio di 150 euro. Davanti al gip Simona Panzera, nel corso dell’incidente probatorio che si è tenuto questa mattina, la piccola ha spiegato di non ricordare alcun brutto evento che si sarebbe verificato tra le mura domestiche.

Il padre, assistito dall’avv Lorenzo Rizzello, è accusato di induzione e favoreggiamento della prostituzione, oltre che di maltrattamenti e lesioni nei confronti della moglie. L’anziano di violenza sessuale su minore. Ora gli atti torneranno alla procura che deciderà come procedere.