Taranto-Mariano Keller 2-1: Balistreri e Clemente regalano i tre punti

Il Taranto supera il Mariano Keller e vince in rimonta dopo un primo tempo deludente. Nella ripresa ci pensano Balistreri e Clemente a ribaltare il risulatato e regalare la vittoria ai rossoblù

taranto calcio

TARANTO- Vince in rimonta il Taranto. I rossoblù battono 2-1 il Mariano Keller ma faticano più di quanto avessero immaginato. Soprattutto nel primo tempo: la squadra allenata da Ciro Muro, ex rossoblù negli anni della B, si presenta allo Iacovone con un 4-4-2 speculare a quello del Taranto, ma più ordinato ed efficace sulle corsie esterne. Maiuri sceglie Balistreri e Clemente per guidare l’attacco dei suoi e la mossa si rivela vincente. Ed è proprio il numero 10 che per primo scalda le mani al portiere ospite Napoli: sono passati quattro minuti quando esplode il destro su punizione dalla distanza; la traiettoria è forte ma centrale. È un sussulto che non scioglie i rossoblù, partiti contratti e in difficoltà nell’organizzare il gioco, a tratti confusionario. Ci provano un ottimo Migoni e il solito Clemente a riportare logica nella manovra dei padroni di casa, con Muwana che si prende in mano le redini del centrocampo. Al 6′ Migoni entra in area: dribbling per liberarsi al tiro e pallone deviato in corner. Sugli sviluppi Clemente impegna Napoli. Sarà una giornata durissima per l’estremo difensore ospite.

La spinta del Taranto si esaurisce qui e il Mariano Keller reagisce e guadagna campo e fiducia con i suoi uomini migliori: Sorrentino e Santaniello. All’8′ gli ospiti schiacciano i rossoblù nella loro area dimostrando di metterci un piglio diverso e vengono premiati. Al 16′ infatti Bosco serve splendidamente in profondità Santaniello: la retroguardia rossoblù è tagliata fuori e il numero 9 punta dritto verso Marani e lo supera per il vataggio. Il Taranto è sotto di un gol. La reazione è molle ed è affidata alle intuizioni di Clemente.

Il Taranto preme e un minuto dopo, ancora da calcio d’angolo, Clemente trova la testa di Miale con una traiettoria velenossisima ma la deviazione finisce sul fondo. Al 30′ è ancora Clemente a chiamare in causa Napoli dopo una bella azione.

L’occasione migliore capita a Ciarcià al 38′: Migoni regala una gran palla al numero 9 ma Napoli dice di no in tuffo. Poi ci prova Muwana al 42′ con un colpo di tacco che strappa applausi, almeno per il coraggio. L’arbitro Montanari assegna due minuti di recupero ma non succede nulla e le squadre vanno negli spogliatoi con il Taranto costretto a inseguire.

La ripresa è un assedio: i rossoblù ci provano subito al 2′ e ancora con Clemente servito da Ciarcià. Napoli fa il miracolo e respinge. Al 6′ Migoni se ne va in dribbling, serve d’esterno Carloto che appoggia per Ciarcià: tiro debole e occasione sprecata. Tre minuti più tardi si rivede il Mariano Keller: Maisto supera pericolosamente in dribbling Prosperi e Marchitelli ma conclude a lato.

Gli ospiti si ritirano nella loro metà campo e il Taranto li punisce. Al 12′ cross di Ciarcià, servito da Clemente e colpo di testa vincente di Balistreri: 1-1, esplode lo Iacovone. Il Taranto adesso ci crede e ne approfitta: il Mariano Keller è alle corde sotto i colpi di  Clemente Balistreri e Ciarcià. Anche Muwana ci prova al 25′ ma la conclusione è alta. Il gol è nell’aria.

Al 42′ Miale mette in rete ma l’arbitro annulla tra le proteste. L‘urlo di gioia dei tifosi si può liberare al 46’. Punizione dal limite: sul pallone, manco a dirlo, ci va Clemente; la traiettoria è perfetta, supera la barriera e si infila dove Napoli non può arrivare. La rimonta è compiuta, 2-1. Game over allo Iacovone.