Allarme furti in città, ladri in azione anche di pomeriggio

Due furti consumati, due tentati, ed un bottino esiguo. É quanto accaduto a Lecce, sabato pomeriggio. I ladri, che non hanno lasciato traccia del loro passaggio, avrebbero utilizzato l'ormai collaudata tecnica della scheda per aprire le porte d'ingresso

polizia di stato

LECCE- Si accontentano di poco, come nel caso degli ultimi due furti, in ordine di tempo, consumati a Lecce, ma i malviventi, pur di arraffare qualcosa, non esitano ad entrare in azione anche nelle ore pomeridiane. Due furti consumati e due tentati: è quanto accaduto in città sabato pomeriggio, fra le 15 e le 17.

Prese di mira quattro abitazioni in zone diverse. Una in Via Cesare Abba, a due passi dal mercato di Settelacquare, una in Via Codacci Pisanelli, zona tagghiate, una in Via Moricino, nei pressi di Piazza palio ed un’altra in Via Fiesole, anch’essa zona Settelacquare: ma negli ultimi due casi i colpi sono andati a vuoto per via dell’allarme collegato agli istituti di vigilanza.

Nel caso dei furti riusciti, i complici si sono dovuti accontentare di un magro bottino: solo qualche gioiello e poco denaro.

Una cosa è certa: non lasciano traccia.

Nessun segno di scasso o effrazione è stato rilevato dalla polizia, intervenuta dopo la denuncia delle vittime.

Chi si è introdotto negli appartamenti svaligiati, ha utilizzato tranquillamente la porta d’ingresso, manomettendo la serratura con l’orami collaudata tecnica della scheda, tanto, almeno, stando ad un primo sopralluogo eseguito dalle Volanti.

Le indagini proseguono per dare un volto ai responsabili e per appurare se ad agire sia stato lo stesso gruppo o meno.