Monsignor Fernando Filograna è vescovo, “Collaboratore della vostra gioia”

Mons. Fernando Filograna, vescovo eletto di Nardò-Gallipoli: è il primo vescovo leccese dopo 13 anni, l'ultimo in ordine di tempo fu il compianto Mons. Vito de Grisantis, scomparso 3 anni fa. Da 36 anni è al servizio della Chiesa.

listener (1)

NARDO’- “Fratelli della Chiesa sorella di Nardò-Gallipoli, il vescovo Fernando viene in mezzo a voi come l’usciere della gioia, impegnato con voi a mettere alla porta la tristezza dei tormenti. Per te, carissimo don Fernando, questa sera c’è un esercito di intercessori che bussa al cuore di Dio e domanda per te “lo Spirito che regge e guida” per “pascere il santo gregge e compiere in modo irreprensibile la missione del sommo sacerdozio”.  Con queste parole, l’arcivescovo metropolita di Lecce Mons. Domenico D’Ambrosio ha aperto l’omelia della solenne concelebrazione eucaristica per l’ordinazione episcopale di Mons. Fernando Filograna, vescovo eletto di Nardò-Gallipoli, alla presenza del Cardinale Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, e del Cardinale Salvatore De Giorgi, figlio della nostra amata Chiesa di Lecce

Ogni giorno celebrerai l’Eucaristia non nel silenzio della Cappella del tuo grande Episcopio, ma in mezzo al popolo di Dio, in medio Ecclesiae.  Ogni giorno dovrai accogliere, abbracciare, ascoltare tutti coloro dei quali hai la responsabilità di pastore. Le porte del tuo ovile dovranno rimanere aperte. Chi ha bisogno del pastore, del vescovo, non dovrà essere costretto a lunghe soste in sale d’attesa”.

E, ancora una volta, l’arcivescovo di Lecce mette al bando lo sfarzo e gli sprechi: “ Talvolta, ma forse molto spesso, siamo costretti, da un compito che non ci viene dal sacramento ma dal dover essere custodi di opere d’arte da salvaguardare, ad abitare in grosse dimore: che non diventino una sorta di diaframma che ci distanzia e separa dalla concretezza di situazioni in cui vivono i nostri fratelli”.

Nato a Lequile 61 anni fa, Mons. Filograna è il primo vescovo leccese dopo 13 anni, l’ultimo in ordine di tempo fu il compianto Mons. Vito de Grisantis, scomparso 3 anni fa. Da 36 anni è al servizio della Chiesa. Per molti anni, come Padre Spirituale e Rettore del Seminario leccese, ha educato molti giovani, nel delicato periodo dell’adolescenza e della giovinezza. Per diciassette anni ha guidato con sapienza e dedizione generosa la Parrocchia Maria SS. Assunta in Trepuzzi  e la Parrocchia San Giovanni Maria Vianney a Lecce. 

“Desidero ringraziare il Signore per la mia amata famiglia, la mia mamma e le sorelle insieme a tutti i parenti che mi sono stati accanto in questi anni, un caro ricordo a papà e ai parenti che sono in cielo, e che insieme a tanti altri mi hanno aiutato a crescere nella fede.

In questi giorni mi è stato naturale andare con il ricordo alla mia infanzia, alla vita nel mio paese, in parrocchia, ai sacerdoti vivi e defunti, ai catechisti, a quei tanti volti di laici dalle cui mani mi sono giunti i doni del Signore. Rivedo il volto di tanti che, nelle differenti stagioni della vita, mi hanno aiutato a maturare nella fede, esempi edificanti di sacerdoti e di laici, pronti a farsi plasmare la vita dall’azione dello Spirito”.