Accorpamento tribunali, riforma operativa da domani. Cancellieri: “Si va avanti”

La riforma sull'accorpamento dei tribunali da domani sarà operativa, continuano i mal di pancia, ma il ministro Cancellieri avvisa: "Si va avanti perché ce lo chiede l'Europa"

Il Ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri in aula durante l'informativa urgente del Governo al Senato, sul grave attentato presso listituto professionale Morvillo  Falcone di Brindisi, che ha causato la morte di Melissa Bassi e il ferimento di altre cinque studentesse, Roma, 22 Maggio  2012. ANSA/SERENA CREMASCHI

LECCE– Domani la riforma sull’accorpamento di tribunali sarà operativa anche  nel Salento.  Sono ancora in corso i trasferimenti dei fascicoli e di altri materiali dalle sedi distaccate che saranno chiuse a Lecce. Restano in piedi  ancora per due anni Maglie e Nardò per sbrigare il vecchio lavoro e la sede di Casarano, che usufruisce della sospensione concessa dal Tar, in attesa della discussione nel merito. I ricorsi al giudice amministrativo vanno avanti, anche se il ministro Cancellieri ha ribadito al Senato che la “riforma deve andare avanti perché ce lo chiedono le istituzioni europee e la banca Mondiale”.

Con l’accorpamento vengono soppressi 30 tribunali con relative procure, 220 sezioni distaccate(7 a Lecce, 4 a Brindisi e 4 a Taranto), 667 uffici del giudice di pace. Amministrazioni locali e Regione Puglia continuano a fare pressione per ottenere delle modifiche, ma il ministero sembra irremovibile. Entro il 14, come annunciato qualche giorno fa, sarà effettivo anche il trasferimento dei dipendenti, dalle sedi distaccate alle sedi assegnate.