Gemelli Quarta, Paolo Maci: “Una sanità senza dignità”

Paolo Maci, coord. provinciale Lecce MIR-MRS, interviene in merito al caso dei gemelli Quarta: "Una sanità senza dignità che calpesta la dignità delle persone, che in nome della spending review taglia sui servizi alla persona e invece non bada a spese quando si tratta di realizzare appalti multimilionari"

Paolo Maci

LECCE- Una sanità senza dignità che calpesta la dignità delle persone, che in nome della spending review taglia sui servizi alla persona e invece non bada a spese quando si tratta di realizzare appalti multimilionari. Il fallimento della gestione della sanità pugliese passa anche da qui, dalla incredibile vicenda dei gemelli Quarta, allettati da quasi 30 anni, collegati ad un respiratore, e costretti a pagare 100,00 euro a testa per poter essere sottoposti ad un esame diagnostico con un ecografo mobile, di cui la ASL non dispone.

Ma la necessità di essere sottoposti presso la loro abitazione alla ecografia non è una scelta, ma una necessità. Il MRS-MIR ha più volte espresso un severo giudizio su una gestione della sanità in Puglia, frutto il più delle volte di scelte illogiche e contrarie agli interessi del territorio.

Si pensi per esempio alla realizzazione – addirittura imbarazzante – di un complesso edilizio del costo di circa tre milioni di euro accanto all’edificio dell’Ospedale di Campi Salentina, ormai quasi del tutto vuoto ed inutilizzato, per non parlare del livello dei servizi, lontani anni luce dalle eccellenze che pure il sistema sanitario registra in altre aree del Paese. E si pensi, ancora, a tutte le promesse disattese da parte di Vendola e della sua Giunta, in grado di vincere per ben due volte le elezioni regionali assicurando il potenziamento degli ospedali in Puglia e nel Salento, caduti invece sotto la inesorabile mannaia di un piano sanitario regionale che è stato l’esatto contrario di quanto assicurato e garantito in campagna elettorale.

Il MRS-MIR si augura che le coscienze dei cittadini pugliesi e salentini si risveglino e proprio alla luce delle evidenti storture di un sistema che viene spacciato per un modello da seguire rivendichino, per sé e per i tanti che hanno bisogno, come i gemelli Quarta, maggiori servizi, maggiori diritti e soprattutto maggiore rispetto e dignità.
Avv. Paolo Maci
Coordinatore Provinciale Lecce
MRS – MIR