Incompatibilità Rollo, il presidente Asi al Consiglio di Stato

Incompatibilità Rollo, dopo la sentenza sfavorevole del tar, il presidente del consorzio Asi preannuncia ricorso davanti al consiglio di Stato, difendendo con i denti ila poltrona di consigliere regionale.

marcello-rollo

BRINDISI- Fino all’ultimo ha deciso di giocarsela, preannunciando ricorso al Consiglio di Stato contro la “decisione di non decidere” depositata dai giudici del tribunale Amminsitrativo.

Marcello Rollo, presidente del consorzio Asi di Brindisi e Consigliere Regionale in via di decadenza in virtù del provvedimento operato dalla stessa assise di via Capruzzi non molla la presa e, pur dicendosi rispettoso delle leggi e delle sentenze, continuerà a far valere le sue ragioni fino a quando ne avrà la possibilità.

Antonio Scianaro, ex vicesindaco di Fasano e pdiellino potrebbe, insomma, dover aspettare ancora per il suo ingresso in consiglio regionale. Un’attesa figlia di una situazione i cui strascichi continuano, da mesi, a tenere banco.

In breve. Rollo, presidente dell’Asi e candidato Pdl alle regionali ma nel frattempo passato all’Udc, ottiene lo scranno in consiglio  grazie all’elezione in senato di Pietro Iurlaro, Pdl. Il consiglio, però, giudica incomaptibili le due cariche ricoperte. Da un lato, controllore. Dall’altro, controllato. Ma l’ex azzurro, piuttosto che optare tra una delle due poltrone, decide di impugnare di fronte al Tar il provvedimento, che resta sospeso. Martedì, il Tar da, fondamentalmente, ragione alla Regione, respingendo il ricorso.

Alla finestra resta proprio Scianaro, che subentrerebbe a Rollo in caso di decadenza. La palla, in attesa del ricorso al giudice ordinario, passa ora proprio al presidente del cosniglio Onofrio Introna, chiamato a convocare, sollecitato dai legali di Scianaro, a convocare un consiglio monotematico per dichiarare ufficialmente decaduto Rollo.

Se questo accadesse, anche l’elezione del fasanese rischierebbe di essere sub – judice, perché vincolata alla sentenza del Consiglio di Stato.