Filanto mette sul tavolo 500mila euro, si apre uno spiraglio per gli operai

Si apre lo spiraglio per i lavoratori del calzaturificio Filanto di Casarano: il presidente Antonio Filograna mette sul tavolo 500mila euro. Lunedì si arriverà con questo atto concreto all'incontro al ministero.

filanto

CASARANO– Un impegno di 500mila euro totali, 50mila dei quali pronti e disponibili già lunedì.  Eccolo il passo concreto che il ministero aveva chiesto al calzaturificio Filanto. Un acconto sugli arretrati importante e che di fatto apre la strada alla concessione, da parte del Ministero del lavoro, di accordare un anno di cassa integrazione straordinaria. L’appuntamento per presentare la novità a roma è lunedì, ma è stata formalizzata nella sala giunta della Provincia di Lecce. Seduti attorno al tavolo, il presidente della Filanto Antonio Filograna Sergio, Cgil, Cisl e Uil, Confindustria, il presidente della provincia Gabellone e l’assessore allo sviluppo economico della regione Loredana Capone.

La cifra totale arriverebbe a coprire più o meno una mensilità a testa per i circa 600 lavoratori che hanno accumulato 8 mesi di arretrato nelle indennità, sfumate da quando sono state ritirate le istanze di concordato. Lunedì mattina il verbale, firmato da tutte le parti in causa, sarà sul tavolo del ministro.

I sindacati sono soddisfatti: era stato chiesto un atto significativo entro il 30 settembre e l’azienda ha già messo sul tavolo i primi 50mila euro. Un segnale per salvare il calzaturificio di Casarano e le 600 famiglie in bilico da troppo tempo.

Di seguito il verbale:

Verbale di accordo

Le proprietà aziendali di Filanto S.p.A. e delle società del cluster, dando per conosciuta la situazione societaria e finanziaria di ognuna delle aziende del cluster coinvolte nei procedimenti concorsuali, in risposta alle intese definite nell’incontro ministeriale del 02/09/13, erogheranno direttamente, o indirettamente, ad ogni lavoratore sospeso la somma di 1000 Euro nette pro-capite, da imputare a future spettanze contrattuali e di legge.
La suddetta somma verrà erogata entro e non oltre il corrente mese di settembre, con assegni circolari non trasferibili intestati agli aventi diritto ed emessi anche da parte di terzi estranei alle aziende coinvolte. Le proprietà renderanno disponibile una prima trance dell’importo pari a 50mila Euro già da lunedì 9 settembre.

Letto e sottoscritto, 5 settembre 2013
CONFINDUSTRIA

FILANTO S.p.A.

TOMAIFICIO ZODIACO S.r.l. in liquidazione

TECNOSUOLE S.r.l. in liquidazione

ITALIANA PELLAMI S.r.l.

LABOR S.r.l. in liquidazione

CGIL

CISL

UIL

FEMCA

FILCTEM

UILTEC