Ilva, l’esposto di Bonelli all’Ue contro le discariche

Angelo Bonelli, presidente dei Verdi e consigliere comunale di Taranto, è volato a Bruxelles per presentare un esposto al commissario ambiente dell’Unione Europea contro le discariche Mater Gratiae dell'Ilva

Angelo Bonelli

TARANTO– Angelo Bonelli, presidente dei Verdi e consigliere comunale di Taranto, è volato a Bruxelles per presentare un esposto al commissario ambiente dell’Unione Europea contro le discariche Mater Gratiae dell’Ilva.

“Autorizzare la Mater Gratiae per decreto scavalcando l’iter di legge significa compiere un ennesimo azzardo. Basta schiaffeggiare Taranto”. Angelo Bonelli, presidente dei Verdi e consigliere comunale di Taranto, non ci sta ed è volato a Bruxelles per presentare un esposto al commissario ambiente dell’ Unione Europea contro il decreto del governo che autorizza le discariche Mater Gratiae dell’Ilva di Taranto.

“Sarà inevitabile l’apertura di una procedura d’infrazione” ha detto Bonelli che poi domanda: “Perché decretare procedure eccezionali per una discarica che invece deve passare dalle procedure autorizzative ordinarie?” “I cittadini – riferisce Bonelli – hanno il diritto di sapere e di avanzare osservazioni alle quali va data risposta. Ad esempio: la discarica ha un adeguato sistema di recupero delle acque meteoriche? O la pioggia porta in profondità tutto ciò che percola? Ed esiste un efficace fondo di impermeabilizzazione? E la falda quanto è inquinata? Domande a cui Bonelli proverà a ricevere risposte adeguate.

“L’AIA – ha concluso Bonelli – non vale solo per l’inquinamento dell’aria ma anche per l’acqua e per le discariche: proprio per questo la questione della Mater Gratiae è stata stralciata dall’AIA”. E proprio alla discarica Mater Gratiae c’è stato un sopralluogo dei Tecnici dell’Arpa Puglia. Entro 48 ore al massimo i tecnici dell’Arpa consegneranno un rapporto sulle condizioni della discarica e il documento verrà consegnato alla Regione Puglia.

Nei prossimi giorni, invece, è prevista una nuova ispezione dei tecnici dell’Ispra e dell’Arpa nel Siderurgico per verificare lo stato di attuazione delle prescrizioni dell’Autorizzazione integrata ambientale. Nella precedente ispezione i tecnici avevano rilevato una dozzina di inadempienze da parte dell’azienda. Tutto rinviato, invece, per quanto riguarda il piano industriale che l?ilva dovrà presentare: l’incontro a Roma fra il commissario straordinario Ilva, Bondi, e i rappresentanti dei lavoratori è stato “interlocutorio”. Il piano è ancora a zero e se ne riparlerà a fine ottobre.