“Sono il Totò Riina di Nardò”, ora è ai domiciliari

Fu arrestato per rapina ed estorsione aggravata dalla modalità mafiosa, il Totò Riina di Nardò finisce ai domiciliari. Il Tribunale del Riesame ha accolto la tesi dell'avv. Ezio Maria Tarantino

tribunale

NARDO’- Al venditore di crepes, per rapinarlo, aveva detto: “Io sono il Totò Riina di Nardò”. Fu arrestato per rapina ed estorsione aggravata dalla modalità mafiosa Egidio Luigi Prete, 32enne di Nardò. Già condannato a 3 anni -una parte in carcere e il resto ai domiciliari- ad un controllo delle forze dell’ordine, non era nella propria abitazione e per questo tornò in cella.

Adesso il Tribunale del Riesame, che ha accolto la tesi dell’avv. Ezio Maria Tarantino, gli ha concesso di finire di scontare la pena in casa.