Frasi razziste contro i romeni, lettera al Prefetto

Dopo le frasi "razziste" scritte su Facebook dal consigliere comunale e capogruppo di maggioranza, Graziano Paolo Accogli, l'opposizione coinvolge anche il prefetto di Lecce e discuterà del caso in un'assise pubblica aperta.

accogli

ANDRANO- Una lettera al Prefetto e la richiesta di convocazione di un consiglio comunale monotematico aperto. È così che la comunità di Andrano prende le distanze dalle frasi, bollate come “razziste”, scritte su Facebook dal consigliere comunale e capogruppo di maggioranza, Graziano Paolo Accogli.

Esternazioni che stanno facendo il giro d’Italia quelle contro i rumeni e la “Romania bestia nera d’Italia”. Dopo la presa di posizione durissima del mondo del volontariato, della comunità rumena in Italia, dell’assessore regionale alla Cittadinanza sociale, Guglielmo Minervini, l’opposizione in consiglio comunale ha deciso di coinvolgere anche il prefetto di Lecce e di discutere del caso in un’assise pubblica aperta, alla quale sono stati invitati rappresentanti di delegazioni rumene.

Un modo “per riconciliarsi con loro e dire che Andrano non è quella rappresentata da Accogli”, dicono dalla minoranza. Intanto, scende in campo anche il consigliere regionale di Sel, Antonio Galati: “Una comunità non può essere disonorata dalla xenofobia di un singolo esponente delle istituzioni- ha detto-. Ecco perchè occorre il pronunciamento del consiglio comunale o un’altra iniziativa pubblica che ribadisca che l’intolleranza è un cancro. È necessaria una condanna ferma, senza timidezze e opportunismi, di quelle parole”.