Allarme stupri e droga, escluso il terzo caso

donna-violenza

LECCE- Allarme stupri: uno dei tre presunti casi di violenze sessuali segnalati a polizia e carabinieri negli ultimi 20 giorni in Salento e’ risultato essere da subito un episodio non veritiero. Per un altro, la vittima ha deciso di non presentare querela. Per un terzo, l’unico denunciato, sono in corso verifiche della polizia poiche’ il racconto della vittima presenta molte lacune. Lo si apprende in ambienti investigativi.

L’unica denuncia sporta finora e’ quella di una ragazza di 20 anni che, assieme alcuni dei ragazzi, avrebbe partecipato alla festa organizzata in una villa alla periferia di Lecce, sulla strada per san Cataldo, la notte tra il 14 e il 15 agosto scorsi. La giovane, di Taranto, ha denunciato alla polizia di essere stata probabilmente vittima di abusi sessuali ma il suo racconto, pieno di ‘non ricordo’, appare lacunoso e quindi sono in corso accertamenti per verificarne la veridicita’.

L’altro caso su cui sono in corso verifiche sempre da parte della polizia, senza che la vittima abbia presentato querela, e’ quello di una ragazza 22enne che avrebbe subito una violenza in una pineta di Gallipoli (Lecce). Su un altro caso verificatosi una ventina di giorni fa, sempre a Gallipoli, la violenza sessuale segnalata ai carabinieri e’ stata subito esclusa dalla stessa ragazza nel corso dei primi accertamenti.

Dei presunti casi di violenza sessuale verificatesi in Salento si discutera’, lo ricordiamo, il 23 agosto, nel corso della riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica convocata dal prefetto di Lecce.