Melendugno, video shock: identificato il “lanciatore di cani”. Rischia il linciaggio

foto carabinieri

MELENDUGNO- Eccoli, festosi e scodinzolanti, con la brutta avventura vissuta ormai alle spalle, amorevolmente accuditi dai due pastori tedeschi che per primi sono accorsi sentendo i loro guaiti di dolore. 

La storia dei tre cuccioli lanciati da un uomo con violenza oltre il muro di cinta di un’abitazione ha fatto il giro del web grazie al video postato su Youtube scatenando l’indignazione degli internauti: i commenti al video si sprecano, sono centinaia e centinaia e non proprio teneri, per questo i cc stanno cercando di tutelare l’identità dell’uomo, che ora ha un volto e un nome. Del resto le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza posizionate, tra l’altro in bella vista, lungo il muro di cinta di un’azienda alla periferia di Melendugno,  sono crude e choccanti.

I cuccioli, tre in tutto, ad uno vengono afferrati dall’uomo che poco prima si vede fare jogging e scaraventati con violenza oltre il muro. Il signor giuseppe vergori, proprietario della strattura, dove ci sono gli uffici della sua azienda, se li è trovati domenica pomeriggio  mal ridotti nel recinto ed ha pensato subito di visionare le immagini per capire chi ce li avesse messi.

L’uomo, nel giro di poche ore è stato identificato grazie alle indagini dei cc della locale stazione guidati dal maresciallo martina e dagli agenti della polizia municipale al comando di antonio nahi. È un operaio 50enne residente in una frazione di Vernole. È stato denunciato. Ai cc si è giustificato dicendo di aver cercato, lanciando i cuccioli nel recinto, di salvargli la vita proteggendoli dalle automobili.

Una giustificazione che probabilmente non servirà a placare gli animi dei tanti che non si sono risparmiati commenti sdegnati e minacce neanche tanto velate, ma la giustizia farà il suo corso e lo stesso protagonista della vicenda chiede prudenza. In fondo l’importante è che i cuccioli stiano bene e che qualcuno decida di occuparsi di loro.