Invasione di punkabbestia in bosco privato: il proprietario sporge denuncia

polizia

VERNOLE- Un’invasione di punkabbestia in un bosco privato , lungo la strada del fondone, territorio di Vernole, in località masseria dello Zungranu.
Oltre 200 ragazzi provenienti da ogni parte d’italia, con camper camion, tende e roulotte hanno letteralmente invaso la pineta che costeggia l’aeroporto lecce lepore e si sono accampati, senza alcuna autorizzazione in un terreno privato chiuso da un cancello che hanno tranquillamente aperto.

Nella notte tra il 14 e il 15 di agosto hanno organizzato un rave party che è andato avanti tutta la notte con musica ad alto volume.

Una vera e propria invasione in un’area privata che ha lasciato sconcertato il proprietario, costretto a sporgere formale denuncia per occupazione di suolo privato in questura e che di fronte alle centinaia di giovani, accompagnati da cani di grossa taglia lasciati liberi a scorrazzare senza guinzaglio e senza museruola , è del tutto impotente.

Ormai da qualche giorno i punkubbestia sono li e a quanto pare non hanno alcuna intenzione di andarsene. Secondo le informazioni raccolte dalle forze dell’ordine, la polizia municipale di Vernole e la digos, ci rimarranno sino a domenica.

Sono entrati nella pineta con i grossi mezzi a motore, hanno sistemato le tende e trascorrono li le giornate. Tutta la zona è presidiata dalle forze dell’ordine. Gli agenti della polizia municipale di vernole hanno rilevato i numeri di targa, hanno tentato di mettere un po d ordine perlomeno costringendoli a spostare le auto dal ciglio della strada.

Per una questione di ordine pubblico nessuna azione di forza, per il momento rimarranno li con buona pace del proprietario, costretto ad assistere impotente all’invasione del gruppo e , probabilmente, a dover fare i conti successivamente con ciò che rimarrà dopo: sporcizia , rifiuti, danneggiamento del delicato ecosistema, molto simile a quello delle cesine, che si trovano a pochissimi chilometri di distanza.