Carbone Spending review, a Brindisi traffico in calo

QuattroStelle

BRINDISI- Produzione e traffico di Carbone in calo, sulla costa adriatica. Come si evince dalle statistiche , il traffico di carbone nel porto di Brindisi ha toccato  il punto più basso nei primi sette mesi del  2013 . Mentre,infatti, nel luglio del 2000 sbarcarono 1.306.933 tonnellate di combustibile per le centrali di Brindisi Sud e Brindisi Nord, dal gennaio al luglio di quest’anno ne sono sbarcate 2.381.124. Si fa così sentire la crisi del mercato energetico nazionale che ha portato alla chiusura della centrale A2A-Edipower di Brindisi Nord, e rallentato la produzione di quella Enel di Cerano.

Dunque, guardando al fatturato del porto di Brindisi ci si deve preoccupare dato che il carbone è la voce preponderante nel traffico delle merci  per di più se è il traffico che fa circolare più denaro e posti di lavoro in ambito portuale. Inoltre, sempre secondo quanto segnalano le statistiche le merci nel porto di Brindisi in questi mesi sono calate del 4,63 per cento. Il carbone è a -27,81 per cento; i derivati dalle produzioni termoelettriche in  partenza dal porto di Brindisi sono crollati del 51,98 per quanto riguarda le ceneri, e del 24,97 per i gessi.

I prodotti chimici raffinati,invece, sono scesi di 3,62 punti, i gas liquefatti  aumentati di 16,12 punti , così come  il propilene e l’etilene .

Da sottolineare,inoltre, il ruolo decisivo della nuova autostrada Egnatia che conduce da Igoumenitsa nel nord della Grecia a Salonicco, in sole 4 ore e grazie alla quale nel periodo gennaio-luglio 2013 i camion tra Brindisi e la Grecia sono  notevolmente aumentati. Si registra infine, un calo anche nel traffico passeggeri tenendo conto del numero limitato di navi in linea, e del numero limitato di linee .

Spending review, insomma. Anche sul carbone. Bene per l’ambiente, meno per chi, invece, pensa all’occupazione. Due facce della stessa, consumata medaglia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*