Snoop Lion fa saltare il Salento

snoop-Lion-pic

GALLIPOLI- Se diciamo “pienone” non rendiamo comunque l’idea. Ecco il pubblico del Parco Gondar accorso ieri a Gallipoli per la prima data del Gusto Dopa al Sole, la rassegna di musica reggae e hip hop che da anni richiama nel Salento le voci più interessanti del panorama musicale nazionale ed internazionale.

Un appuntamento per gli appassionati, che negli anni si sono affezionati alla rassegna che, nel tempo, ha messo le radici in una terra votata al reggae, tanto da essere definita la Jamaica d’Europa.

Ed i jamaicani di casa nostra hanno apprezzato gli artisti che ieri si sono esibiti creando un’atmosfera magica, unica, scandita dai ritmi  di tutto il mondo.

Clementino, Dj Tayone, Dj War, Mad Dop, Lion D, Jah Sun e Bizzarri Sound hanno scaldato l’atmosfera, insieme a Dj Gruff, direttore artistico dell’evento nonchè presentatore della serata. E poi, sul palco, è salito lui. Il gigante dell’hip-hop, ora convertistosi al reggae. Via i codini, Snoop Dogg, adesso Snoop Lion, ha esibito i dread che testimoniano il suo recente passaggio al rastafarianesimo. Unica tappa, quella gallipolina, inserita nel tour europeo.

Nulla da dire: cambiano le acconciature, il credo religioso, il genere musicale, ma il talento resta quello che lo ha reso famoso a livello planetario.

Impossibile non ballare, in questo crescendo di note in grado di travolgere anche i più pigri. Del resto, Gusto Dopa Al Sole è fatta per gl iamanti della musica e della cultura ed essa collegata.

E non finisce qui.

Venerdi 16, sempre al Parco Godar di Gallipoli, ci sarà la seconda tappa del festival con ospiti ecczionali come Alborosie, orgoglio italiano della musica reggae nel mondo, unico artista italiano ad aver ricevuto il MOBO Award,  il massimo riconoscimento mondiale attribuito agli artisti reggae di spicco nella black music. Nel nuovo tour Alborosie presenta il suo ultimo album “Sound the system”. Nella stessa serata si alterneranno Apres la classe, Boom boom vibration, Dj Gruff, Kayakilla, Dj Skizo, Ena Ghema.

Un plauso va fatto senz’altro agli infaticabili organizzatori del Gusto Dopa, Gianni Stifani e Sandro Pizzuto.