Gravi violazioni presso l’armeria: sequestrate le armi e chiusa l’attività

Armi

CARMIANO- I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Lecce hanno deferito in stato di libertà C.M., classe ’74, titolare di una nota armeria di Carmiano, unitamente a D.T., classe ’81 e G.L., classe ’60, entrambi di Veglie, per numerose violazioni penali in materia di armi. Gli accertamenti seguiti al ritrovamento di un’arma illegalmente detenuta hanno condotto i Carabinieri presso l’armeria.

L’arma è risultata essere lasciata lì in deposito da D.T., al fine di eseguire degli interventi di riparazione. D.T. la deteneva però irregolarmente, non avendo alcun titolo autorizzatorio: l’arma l’aveva ricevuta da G.L., che la deteneva regolarmente. Purtroppo per loro, però, la Legge non permette che sia effettuata alcuna cessione di armi da fuoco senza specifica autorizzazione al trasporto o senza averne fatto denuncia all’Autorità di P.S.. G.L. e D.T. sono stati deferiti per il reato di trasporto e cessione di armi senza nulla-osta del Questore e titolo autorizzatorio ai sensi degli artt. 34-35 del T.U.L.P.S.. D.T. è stato anche deferito per detenzione illegali di armi.

Un successivo controllo amministrativo eseguito presso l’armeria ha permesso di riscontrare numerose violazioni penali, quali l’omessa o irregolare tenuta dei registri di carico e scarico delle armi in carico e in riparazione. Sono così stati sottoposti a sequestro 7 fucili, 1 pistola revolver ed una canna. La segnalazione dei fatti alla locale Questura ha portato all’emanazione del provvedimento di sospensione delle licenze di esercizio per 6 mesi, il locale rimarrà chiuso, pertanto impossibilitato a proseguire la propria attività commerciale.