Lecce, Moriero: “Avvio in salita, ma dovremo essere forti”

Francesco Moriero

LECCE- Dai dilettanti del Santhià ai cadetti della Ternana: il secondo turno eliminatorio di Coppa Italia porta il Lecce a Terni contro una delle formazioni che sembrano accreditate per il salto in massima divisione.

La sfida contro la squadra umbra servirà soprattutto a Moriero per comprendere dove ancora intervenire tatticamente e magari prendere atto di qualche piccolo progresso considerando però che la squadra non è ancora al completo.

Dopo ferragosto il calciomercato entrerà nel vivo. Senza confermare o smentire i nomi associati da settimane al Lecce.

Al “Liberati”, un Miccoli 19enne, mosse i primi passi nel calcio vero e con 32 gol in 120 presenze dopo quattro stagioni in rossoverde passò alla Juve che lo fece ancora maturare a Perugia. Sarà lui a guidare il Lecce contro il suo passato nel tentativo di accedere al turno successivo e quindi sfidare il Parma tornando a calcare, sia pur per novanta minuti o poco più, un palcoscenico di serie A, abbandona da poche settimane con la retrocessione del Palermo. Moriero presenterà una formazione sperimentale.

Si procede per tappe inserendo gradualmente i nuovi innesti (il centrocampista Salvi dovrebbe giocare dall’inizio) e facendosi trovare pronti per un avvio di campionato che il Lecce affronterà in salita.

Arbitrerà la partita Gavillucci di Latina. Fischio d’inizio alle 20,45.

Martedì prossimo sarà presentata la nuova maglia firmata dallo sponsor tecnico Lega e sarà lanciata la campagna abbonamenti. Chi sottoscriverà la tessera di curva nord per le tre giornate interne di squalifica da scontare nel prossimo campionato la società giallorossa riserverà loro, in maniera esclusiva il settore Distinti.