Il Lecce nel girone B, Tesoro: “Chiamatelo pure serie B”

Antonio Tesoro

LECCE- Il Lecce inserito nel girone meridionale come nella stagione ’95-96 quando la squadra di Guinpiero Ventura conquistò la promozione in serie B.

Nulla di paragonabile a quello della passata stagione che a tutti sembrò abbordabile. Perla squadra affidata la scorsa estate a Franco Lerda doveva essere una passeggiata o quasi. Invece si è rivelata tutt’altro che una passerella, sicuramente più per demeriti della squadra giallorossa che per meriti altrui. Il campionato lo ha perso il Lecce, non l’ha vinto il Trapani.

Il Lecce è stato inserito, come previsto e temuto da Antonio Tesoro, nel raggruppamento meridionale. Un girone con difficoltà estreme non solo per la qualità delle squadre e il blasone di certe piazze, ma anche per le difficoltà ambientali derivanti da certe partite. Intv.

Secondo il dirigente giallorosso i due gironi non sono equilibrati, con la Cremonese che nel raggruppamento settentrionale può essere regina incontrastata – secondo Tesoro -, senza rivali altezza”. Insomma, lo era anche il Lecce un anno fa, ma il campo ha scritto un’altra storia stravolgendo pronostici scontati e a favore dei giallorosis che avrebbero dovuto ammazzare il  campionato in pochi mesi

Sono 17 le squadre compongono il girone B: Ascoli, Catanzaro, L’Aquila, Frosinone, Lecce, Barletta; le campane Salernitana, Benevento, Nocerina, Paganese. L’Umbria avrà le sue rappresentanti in  Gubbio e Perugia. La Toscana è la regione più rappresentata con ben cinque squadre: Grosseto, Pisa, Pontedera, Prato e Viareggio.

La stagione ufficiale del Lecce è già cominciata con il primo turno eliminatorio di Coppa Italia; i giallorossi hanno centrato la qualificazione al secondo  turno superando 3-0 il Santhià e domenica prossima affronteranno in trasferta la Ternana.

Il sipario sul calendario si alzerà il primo settembre. Il calendario sarà pubblicato venerdì prossimo.