Furti in appartamento, prevenire è meglio che curare

furto

BRINDISI- Te ne vai in vacanza, torni in città dopo la villeggiatura, e scopri il fattaccio.Casa svaligiata, sottosopra, preda delle attenzioni dei topi di appartamento che, in Estate soprattutto,  cercano di rovinare a tutti i costi la più bella delle vacanze.

Anche in provincia di Brindisi dove, già nelle ultime settimane, fioccano le denunce di chi, anche più volte in breve tempo, si è ritrovato a dover fare i conti con i ladri della zona.

Il fenomeno, spiegano dalle forze dell’ordine, è sotto controllo. Nel senso che, rispetto agli scorsi anni, non si registra un aumento e, anzi, in alcune zone i casi sono addirittura in diminuzione.

Ma il fenomeno resta ed è piuttosto fastidioso.

Statisticamente, la fascia oraria più a rischio di visite indesiderate, è quella compresa tra le 02:00 e le 05:00. In questa fascia di tempo infatti, si verificano la maggior parte dei  furti in appartamento, molte volte anche in presenza degli stessi proprietari. Insomma, restare in città non aiuta per forza.

Di certo, occorre seguire qualche utile consiglio

 Innanzitutto, durante l’assenza non lasciare mai in casa oggetti di valore, che andrebbero comunque fotografati ai fini di una eventuale ricerca e auspicabile recupero della refurtiva in caso di furto. Ricordatevi che  Facebook e Twitter possono risultare un’arma a doppio taglio e spargere ai quattro venti la notizia della propria villeggiatura potrebbe avere brutti risvolti: mai comunicare ad  estranei il periodo di assenza da casa! Se il ladro sa che siete alle Maldive, sa anche che la vostra casa è sguarnita.

Intanto, proprio in provincia di Brindisi, è partita la protesta di alcuni turisti in vacanza nella zona di Ostuni che, oltre a segnalare numerosi furti nelle abitazioni, hanno anche chiesto maggiori controlli da parte delle forze dell’Ordine. “Aiutateci o ce ne andiamo”. Questo l’allarme. Con i sindacati delle forze di polizia che pronti a far notare come “non è possibile avere una pattuglia davanti ad ogni villa”. E allora, occhio alla prevenzione. Perché quando il gatto non c’è, i topi ti entrano in casa.