Leverano, grossista di fiori ed evasore totale: redditi non dichiarati per un milione e 800mila euro

GUARDIA DI FINANZA CONTROLLO DOCUMENTI CONTABILI ISPEZIONE FISCALE

LEVERANO- I Finanzieri della Brigata di Porto Cesareo hanno concluso una verifica fiscale nei confronti di una società di Leverano, operante nel settore della vendita all’ingrosso di fiori che, per l’anno d’imposta 2009, ha sottratto a tassazione ricavi per poco più di un milione e 800 mila euro ed evaso IVA per circa 206 mila euro.

Si tratta dell’ennesimo caso di “evasore totale” perché il contribuente ispezionato, sempre nel 2009, non ha presentato la dichiarazione dei redditi.

I militari hanno quantificato gli importi non dichiarati attraverso l’esame della scarna documentazione contabile detenuta dall’azienda ispezionata e dal proprio commercialista, la disamina di ulteriore documentazione extra contabile acquisita in sede di primo accesso ispettivo e le risultanze dei controlli incrociati eseguiti.

Inoltre, le Fiamme Gialle hanno contestato l’impiego di un lavoratore “in nero” e l’omesso versamento dei contributi lavorativi, relativi a 14 lavoratori dipendenti, per un importo superiore a 28 mila euro.

La rappresentante legale, una cinquantaquattrenne, e due amministratori di fatto della società, un quarantottenne e un quarantenne, tutti della zona, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Lecce per i reati previsti e puniti dall’art. 5 del decreto Legislativo n. 74/2000, in relazione all’omessa presentazione delle dichiarazioni annuali ai fini delle Imposte Dirette e dell’I.V.A., e dall’art. 10 del medesimo decreto, per aver occultato o distrutto i documenti contabili al fine di non consentire la ricostruzione dei redditi e del volume d’affari.