Statte, 37 milioni per le bonifiche

Orlando

STATTE- Dopo Taranto anche Statte firma il protocollo d’intesa con il commissario Alfio Pini. Il sindaco del comune di Statte, Angelo Miccoli, ha sottoscritto con la regione Puglia l’accordo sulle bonifiche dopo la cabina di regia che si è svolta nelle scorse ore a Taranto. Il protocollo d’intesa servirà per avviare i lavori di caratterizzazione e bonifica dell’area di insediamento produttivo. Per Statte sono disponibili 37 milioni di euro e il ministro Orlando spiega che dopo il quartiere tamburi è stato fatto un altro passo in avanti perché è stato perfezionato il finanziamento che servirà agli interventi nelle scuole.

L’arpa ha presentato alle parti sociali, tra cui erano presenti anche le associazioni ambientaliste, lo stato di avanzamento dello studio per il Mar piccolo. Uno studio sulla circolazione delle correnti e sulle fonti inquinanti ancora attive. Questo servirà a capire quali attività portare avanti per bonificare l’area. Il prossimo incontro della cabina di regia è fissato per lunedì prossimo e si discuterà anche del porto di Taranto.

L’associazione Peacelink Taranto ha consegnato ai componenti della ‘cabina di regia’ una lettera del 23 maggio scorso del ministero dell’Ambiente con cui si specifica che è compito della Provincia di Taranto ”l’individuazione delle responsabilità in ordine all’inquinamento riscontrato” sul territorio. Il ministero dell’Ambiente invitava nella lettera la Provincia di Taranto allo ”svolgimento delle opportune indagini volte ad identificare il responsabile dell’evento di superamento dei valori della soglia di contaminazione”. “Chi inquina paga” ha detto Marescotti.

”E’ veramente preoccupante – ha commentato – che dopo tante sollecitazioni non si sappia ancora chi ha contaminato il suolo del quartiere Tamburi di Taranto accanto al quale, come è noto, sorge l’Ilva, la più grande acciaieria d’Europa”.