Porto bistrattato, parola ai brindisini

porto_turistico_di_brindisi

BRINDISI- Il porto di Brindisi rischia il commissariamento. Ma Haralamabides rassicura i brindisini:Il porto va a gonfie vele! Continua il ping pong di accuse tra l’autorità portuale, timonata dal presidente Haralambides e l’amministrazione comunale. 
Ecco la guerra dell’authority, tra scadenze. Già datate. I Ritardi, accumulati. E le tante polemiche Infuocate. Poi arrivano le rassicurazioni che giungono direttamente dal presidente dell’autorità. Intanto, il sindaco Consales, dalle stanze di palazzo città, alza la voce e punta il dito. Lo stesso fa Malcarne.

Tutti alla ricerca di un colpevole, a cui imputare il basso profilo oramai in dote allo specchio d’acqua brindisino. Noi, invece, scendiamo in strada e raccogliamo le opinioni di chi, da questa guerra fratricida, si chiama fuori e ha già le idee ben chiare.

E sulle numerose iniziative tese a valorizzare e il porto il lungomare fresco di restauro, dicono:

Alcuni, quindi, auspicano ad una nuova amministrazione che gestisca quindi l’operato dell’ente. Mentre altri, meno fiduciosi, fanno spallucce. Dunque, anche i brindisini si dividono sul conflitto portuale.

Intanto, il primo protagonista di questa storia, proprio il Porto, resta lì in attesa che qualcuno si rimbocchi le maniche e faccia qualcosa per valorizzare l’infrastruttura. Amata e odiata, in perfetto stile Catullo. Solo che qualcuno, ai versi latini, preferisci sicuramente lo stile greco.