Moto d’acqua, il porto ospita il Mondiale

moto-acqua

BRINDISI- 23 equipaggi. 13 nazioni e più di 300 persone tra curiosi, spettatori e addetti ai lavori. Lo specchio d’acqua interno del porto di Brindisi ospita l’unica tappa italiana del campionato mondiale di motonautica Inshore Formula 2.
La terza tappa dopo Stoccolma e Baku.
Si comincia con le prove libere del campionato, poi quelle a tempo prima della gara vera e propria che prenderà il via domenica alle 18 e 30. I bolidi del mare sfrecciano così davanti alla scalinata virgiliana, a due passi dal lungo mare Regina Margherita per un evento che ha chiamato a raccolta l’intero staff di Rai Sport, impegnato nella diretta televisiva.
Un’altra inziativa che si incasella nella serie di manifestazioni che nell’ultimo periodo hanno valorizzato il patrimonio architettonico e culturale della città.

Una chicca per gli amanti degli sport d’acqua e delle gare ad alta velocità che, durante le serate del Gran Premio d’Italia “Brindisi world championship 2013”, potranno partecipare a una serie di eventi collaterali. E, ad esempio, conoscere da vicino i piloti che parteciperanno alla gara e fare un giro a bordo dei loro motoscafi.

Per i più piccoli, invece, sono attivi mini-corsi gratuiti a bordo delle imbarcazioni. Iniziative promosse dal presidente del distretto nautico della Puglia Giuseppe Danese e patrocinate dalla Capitaneria di Porto e dall’autorità Portuale. L’auspicio è che il campionato mondiale Formula 2 possa diventare l’ennesimo evento annuale della città di Brindisi, così come accade con la regata Brindisi-Corfù.