Calcioscommesse, si discute di Lecce-Lazio, penalità in vista

calcioscommesse

LECCE- Al via, a Roma, davanti alla Commissione Disciplinare presieduta dall’avvocato Sergio Artico, il processo sportivo che vede tra gli imputati il capitano della Lazio Stefano Mauri. Il procedimento si riferisce allo stralcio delle due presunte combine Lazio-Genoa 4-2 del 14 maggio 2011 e Lecce-Lazio 2-4 del 22 maggio 2011. Oltre a Mauri, sono altri sette i tesserati deferiti (Benassi, . Cassano, Ferrario, Gervasoni, Milanetto, Rosati, Zamperini) e 3 club (Lazio, Genoa e Lecce) rinviati a giudizio dal procuratore federale Stefano Palazzi per responsabilità oggettiva.
Presente l’ex Lecce, Ferrario, che nel corso dell’udienza, iniziata da poco, rilascerà delle dichiarazioni spontanee. La Commissione Disciplinare ha accolto la richiesta di patteggiamento di 2 mesi di squalifica in continuazione, avanzata dall’imputato Carlo Gervasoni. A Gervasoni, grazie alle dichiarazioni accusatorie contro

il capitano della Lazio, Stefano Mauri e gli altri deferiti di questo filone, la Procura federale ha riconosciuto la sua fattiva collaborazione.

Gli altri calciatori rischiano la squalifica, le squadre invece una penalizzazione. E, stando a fonti non del tutto ufficiali, la società salentina sarebbe pronta a patteggiare.